pHmetro per lievito madre: guida e consigli con Fabrizio Donatone

Il Maestro pasticcere Fabrizio Donatone, campione del mondo nel 2015 e grande conoscitore del lievito madre in tutte le sue sfaccettature, ci parla di come sia importante scegliere lo strumento giusto per la misura del pH nel lievito madre e come mantenerlo sempre performante.

Vedi l’intervista integrale:

Come detto dal Maestro Donatone:
“il pHmetro non è un termometro! Funziona in maniera diversa e ha bisogno di una manutenzione e quindi di una cura rispetto ad un termometro che invece possiamo utilizzare in qualsiasi momento!”


Calibrazione del pHmetro

Un’operazione giornaliera molto importante da fare, come viene detto da Fabrizio Donatone è la calibrazione, così da avere sempre letture accurate. In questa applicazione, per il lievito madre, si farà una calibrazione su due punti, a pH 7.01 e pH 4.01; questo intervallo racchiude i valori per la misura del lievito madre.

Soluzione pH 7.01 HI70007P

Soluzione pH 4.01 HI70004P


Conservazione dell’elettrodo

Altra operazione giornaliera fondamentale è la conservazione dell’elettrodo, dopo l’utilizzo bisogna conservare il bulbo dell’elettrodo nella sua soluzione di conservazione, in modo tale da mantenerlo sempre idratato ed evitare così letture errate o lente.

Soluzione di conservazione HI70300L


Pulizia dell’elettrodo

Un’operazione a cadenza settimanale è la pulizia dell’elettrodo. Dato che quest’applicazione può lasciare residui sull’elettrodo, immergerlo nella soluzione di pulizia per circa 20/30 minuti, eliminerà del tutto i residui, permettendo così di non avere problemi nelle prossime misurazioni.

Soluzione di pulizia HI7061L


Guida alla scelta del pHmetro adeguato.

Scarica la nostra scheda di comparazione per scegliere lo strumento più adatto alle tue esigenze nella misura del pH nel lievito madre.

Se questo articolo ti è stato utile, condividilo